Aziende Industriali di Lugano (AIL) SA
Aziende Industriali di Lugano (AIL) SA Aziende Industriali di Lugano (AIL) SA

Realizzazioni AIL SA

Rete di Teleriscaldamento a Viganello

Il teleriscaldamento di Viganello si contraddistingue dagli altri impianti per la tecnologia utilizzata per alimentare l'intera rete: la cogenerazione.

La cogenerazione permette di produrre due diversi prodotti energetici partendo da una singola fonte. L'impianto di Viganello é alimentato dal gas naturale dal quale é possibile ricavare sia energia elettrica che calore.

La rete di teleriscaldamento di Viganello collega 8 edifici pubblici e privati posti nelle vicinanze della centrale termica:

 

  • la Residenza la Meridiana;
  • il nuovo centro scolastico;
  • tre stabili d'appartamenti;
  • due palazzi della Cassa Pensioni della Città di Lugano;
  • il Dicastero Servizi Urbani.

 

Ogni anno verranno consumati 5 GWh di gas naturale, con il quale sarà possibile generare 700 MWh annui di elettricità (pari a coprire il fabbisogno di 160 economie domestiche di media grandezza) e 3'500 MWh annui di energia termica.

La centrale ha una potenza di 1.4 MW.

Cogeneratore a biogas all'impianto di depurazione delle acque luride

Al depuratore di Bioggio giungono acque di scarico provenienti dall’uso domestico, industriale e agricolo tramite una rete di canalizzazioni di circa 90 km. Le acque in entrate sono dapprima sottoposte ad un filtraggio preliminare poi, attraverso dei processi biologici, l’acqua viene separata dai fanghi per essere quindi filtrata più volte e immessa nel fiume Vedeggio e di conseguenza nel Lago di Lugano. I fanghi biologici vengono invece riscaldati a 32°C all’interno di digestori (fermentazione) così che parte di essi si trasformano in materie minerali e in gas metano (biogas) in circa 30 giorni. Le sostanze rimaste vengono incenerite. Il biogas prodotto è utilizzato per riscaldare i digestori che hanno bisogno una temperatura costante.

 

Grazie allo sviluppo tecnologico oggi sappiamo che il biogas può essere utilizzato per la produzione di elettricità e, se impiegato come fonte energetica nella cogenerazione, per la produzione di calore. Il Consorzio depurazione acqua Lugano e dintorni (CDALED) ha deciso di cogliere la sfida e ha chiesto alle AIL SA di modernizzare e potenziare la sezione di recupero energetico del proprio impianto così da meglio sfruttare il biogas disponibile.

 

L’impianto, entrato in servizio ad inizio 2015, convoglia il biogas creatosi nei digestori al gasometro così da essere purificato. Da qui il biogas viene portato al cogeneratore che produce energia elettrica ed energia termica. Il cogeneratore è in grado di generare 3 GWh di energia elettrica (sufficiente per coprire il fabbisogno di 750 economie domestiche di media grandezza) ed altrettanti di calore, per una potenza di 500 KWh. Il calore generato è utilizzato per riscaldare i digestori stessi, mentre l’elettricità verrà messa in rete.

 

L’impianto è il più potente del Ticino e le emissioni di CO2 nell’ambiente saranno limitate.

Rete di teleriscaldamento a Carona

La rete di teleriscaldamento di Carona è stata inaugurata nel maggio del 2017. L'intera rete è alimenta da una grossa centrale a cippato di legno proveniente principalmente dal luganese.

La caldaia ha una potenza di 700kW ed è in grado di coprire il 90% del fabbisogno termico. Per garantire in qualsiasi momento la fornitura di calore, sarà affiancata da una caldaia ad olio combustibile che verrà azionata in caso di necessità. La rete si estende per oltre un chilometro e mezzo e raggiunge 70 utenze concentrate per lo più nel nucleo del paese.

Centrale termica alla casa anziani di Sonvico

La fondazione Caritas sta realizzando l'ampliamento della casa anziani di Sonvico. Nel corso del 2013 le AIL SA sono state contattate per sottoporre una proposta di Contracting tra le parti. Il progetto prevede l'installazione di una centrale termica alimentata con il gas naturale e che impiega la tecnologia della cogenerazione. Il calore ricavato verrà utilizzato per riscaldare la casa anziani stessa.

L'impianto, che é entrato in funzione a marzo 2017, é in grado di produrre 500 MWh annui di energia termica e 190 MWh annui di energia elettrica (pari a coprire il fabbisogno di circa 45 economie domestiche).

Teleriscaldamento nel Rione Madonnetta

In seguito all’analisi tecnico-economica e a diversi incontri con i competenti Dicasteri della Città di Lugano e la Direzione della Cassa Pensioni, è stata identificata l’opportunità di realizzare una rete di teleriscaldamento, analoga a quella di Viganello, nel Rione Madonnetta a Molino Nuovo. Pure in questo caso la gestione è avvenuta sul modello del contracting.

Il progetto, inaugurato ad ottobre del 2015, ha visto l'installazione della centrale termica (cogeneratore e caldaia a gas) in quello che prima era il locale «tank» della Casa per anziani Serena e la posa di una prima tratta della rete di teleriscaldamento per collegare anche Casa Primavera (istituto sociale). Nel 2017 la rete verrà estesa così da allacciare la Scuola dell’infanzia di via Ferri e in una fase successiva (2018) tre stabili della Cassa Pensioni di Lugano.

La centrale termica è in grado di generare 4.5 milioni di kWh annui di energia termica e 1 milione di kWh annui di elettricità (pari a coprire il fabbisogno di circa 230 economie domestiche di media dimensione).

 

Per maggiori dettaglio é disponibilie una scheda informativa nel box "Per saperne di più".

Rete di Teleriscaldamento a Pregassona

Nel nuovo centro polifunzionale della Città di Lugano a Pregassona è prevista la costruzione di una centrale termica a cogenerazione. Le AIL SA sono in attesa dei permessi. I lavori dureranno almeno 3 anni.

La centrale termica avrà una potenza di 300 KW, con la quale sarà possibile generare 720 MWh annui di energia termica e 20 MWh annui di elettricità.

Rete di teleriscaldamento al Lido di Lugano

In seguito all’analisi tecnico-economica si è identificata l’opportunità di realizzare una rete di teleriscaldamento, analoga a quella di Viganello, nel comparto del Lido di Lugano. Pure in questo caso la gestione avviene sul modello del contracting.

Il progetto prevede l’installazione della centrale termica (cogeneratore, termopompe e caldaia a gas) in uno stabile da realizzare in continuità con gli spogliatoi, in Via Foce.

Nella prima fase vengono posate le tratte di rete teletermica necessarie ad alimentare le piscine del Lido, la piscina coperta, lo Studio Foce, la sede del Club Canottieri, gli edifici del porto ed il Liceo. Ipotizzabile è poi l’estensione successiva della rete ai tennis, all’edificio di ingresso del Lido, alla Biblioteca cantonale e all’eventuale nuovo stabile presso il Liceo.

 

Dati tecnici:

  • potenza della centrale: 5.3 KW
  • Energia termica prodotta: 8'250 MWh/a
  • Energia elettrica prodotta: 1'150 MWh/a, pari al fabbisogno di 230 economie domestiche di media dimensione.
Rete di teleriscaldamento all'Ospedale Italiano di Lugano

Nell'ottobre 2016 le AIL SA hanno inaugurato un nuovo impianto basato sulla cogenerazione e realizzato per l'Ospedale Italiano in collaborazione con l’Ente Ospedaliero Cantonale.

La centrale termica, interamente controllata da un sistema di telegestione che permette un monitoraggio 24 ore su 24, sarà in grado di produrre 630mila kWh di elettricità all’anno, l’equivalente necessario a coprire il fabbisogno di circa 165 economie domestiche. Il calore prodotto sarà di circa 1,7 milioni di kWh all’anno.

Il nuovo impianto non sarà solo in grado di coprire i fabbisogni dell’Ospedale Italiano, ma è già predisposto per ampliare la rete di teleriscaldamento agli stabili della zona.

Rete di teleriscaldamento a Caslano

A Caslano le AIL SA i hanno iniziato ad inizio novembre 2016 i lavori di scavo per realizzare una centrale termica a biomassa, collegata a una rete di teleriscaldamento che riscalderà le scuole dell’infanzia, le elementari e le medie del Comune, così come la futura casa anziani. Alla rete di teleriscaldamento, lunga circa 3 chilometri, saranno allacciate anche una ventina di abitazioni private, tra condomini, palazzi e case unifamiliari. La centrale, inoltre, essendo modulabile, potrà essere potenziata in un secondo momento mediante l’aggiunta di un’altra caldaia, affinché altri utenti si possano allacciare alla rete.

Le AIL SA prevedono la messa in funzione di questo nuovo impianto per la primavera 2018.

Servizio clienti
058 470 70 70


Da Lunedì a Venerdì:
08:30 - 12:00 / 13:30 - 17:00

PER GUASTI, tutti i giorni
24 ore su 24

Apertura sportello a Lugano all'interno del Puntocittà, in Via della Posta 8:

LU/ME/VE : 07:30 - 12:00/13:30 - 17:00
MA/GIO : 07:30 - 18:00