Aziende Industriali di Lugano (AIL) SA
Aziende Industriali di Lugano (AIL) SA Aziende Industriali di Lugano (AIL) SA

Rete di distribuzione

Il gas naturale consumato nel Sottoceneri proviene dalla rete Italiana (Eni SpA) a cui le AIL SA sono collegate tramite il proprio gasdotto. La rete italiana è a sua volta collegata alla rete Europea e la provenienza del gas è di un terzo da gas di origine italiana (giacimenti in Italia) e per i restanti due terzi di importazione dal Nord Europa, dalla Russia e dal Nord Africa

La rete delle AIL SA

Nel Sottoceneri la distribuzione di gas si estende sul territorio di parecchi Comuni, taluni serviti in modo capillare già da parecchi anni e altri ove le tubazioni del gas sono apparse da poco. La distribuzione è curata da quattro Aziende autonome: Chiasso, Mendrisio, Stabio e Metanord, oltre alle AIL SA, che approvvigionano 36 comuni.


I tecnici delle AIL SA si occupano della progettazione della rete di distribuzione il cui dimensionamento deve essere adeguato non soltanto ai bisogni immediati, ma deve pure prevedere le necessarie riserve per le future espansioni dei consumi.


La filosofia su cui ci si basa per progettare l'estensione della rete mira a contenere i costi di investimento rapportati ai possibili introiti dovuti ai consumi. La densità abitativa e la vicinanza alle esistenti strutture di un determinato territorio giocano un ruolo importante nella redditività di una distribuzione. Le zone periferiche e poco densamente popolate si adattano perciò più difficilmente ad una distribuzione di gas rispetto a quelle urbane o situate in prossimità delle strutture esistenti.


Struttura della rete AIL

  • Un asse principale (gasdotto) per il trasporto del gas gestito ad una pressione di 25 bar, ma adatto per pressioni fino a 70 bar: con questa struttura è possibile trasportare un quantitativo orario di 35'000 mc. Con tali quantitativi è possibile tecnicamente servire il potenziale totale del Sottoceneri e anche il Sopraceneri in relazione al progetto Metanord.
  • Sei cabine di regolazione e misura denominate di primo salto, che permettono la riduzione della pressione da 25 bar (70 bar) a 5 bar, disposte lungo il tracciato in prossimità delle zone di distribuzione.
  • Degli assi di penetrazione nel territorio esercitati ad una pressione di 5 bar (ev. 1 bar) che permettono di servire direttamente le industrie e i grossi consumatori ed inoltre alimentano la rete capillare.
  • Un centinaio di cabine di regolazione che prelevano il gas dagli assi di penetrazione e riducono la pressione da 5 bar alla pressione di utilizzo della gran parte dell'utenza, denominate cabine di secondo salto.
  • La rete capillare esercitata a 22 mbar che arriva davanti agli edifici dei singoli utenti.
  • Gli allacciamenti dei singoli utenti che penetrano negli edifici. Essi sono talvolta dotati di regolatori di utenza qualora la pressione della rete è superiore a 22 mbar.

 

Guarda la rete di distribuzione AIL

La sicurezza sulla rete AIL

Per garantire la sicurezza è necessario il rispetto delle norme costruttive adeguate alla pressione di esercizio. Un'apposita legge federale, con le relative ordinanze di applicazione, prevede tutte le norme tecniche che vanno rispettate per la costruzione di condotte esercitate ad una pressione superiore a 5 bar. La sorveglianza è esercitata da un apposito Ente denominato Ispettorato Federale delle Pipelines (IFP).


La normativa che regola la costruzione e l'esercizio di condotte aventi una pressione inferiore a 5 bar è invece stabilita a cura di un Ente associativo che raggruppa tutte le Aziende (SSIGA) del gas svizzere. La sicurezza costruttiva è garantita dal rispetto delle norme, che prevedono sia l'utilizzo di materiali adeguati certificati nella qualità, sia l'impiego di personale specializzato nella costruzione e nell'esercizio delle condotte, sia la sorveglianza nell'esecuzione dei lavori e i necessari collaudi delle installazioni.


Promuovere la sicurezza dell’utilizzatore
L'azienda svolge un ruolo essenziale nelle operazioni volte a garantire la sicurezza degli impianti dei clienti. Essa infatti sorveglia le fasi successive che portano alla realizzazione di un impianto a gas, garantendo perciò all'utente che: l'impianto è progettato in modo corretto, l'esecutore è una persona del mestiere, gli apparecchi utilizzati sono rispettosi delle norme di sicurezza, l'impianto terminato funziona correttamente e in modo sicuro.


Per raggiungere questi scopi le AIL SA si avvalgono delle proprie facoltà di controllo, stabilite dai Regolamenti per le forniture di gas. Essa funge inoltre da consulente per l'utente sia prima, siadurante, sia dopo la realizzazione dell'installazione. In caso di disfunzioni, vere o presunte, durante l'esercizio, l'azienda interviene a consigliare l'utente circa le misure da intraprendere per migliorare la funzionalità dell'impianto o per ovviare a inconvenienti che ne limitano l'efficacia o la sicurezza.

Le estensioni previste per la rete AIL

In questa pagina trovate l'aggiornamento delle decisioni in merito ai prossimi lavori di ampliamento della rete di distribuzione del gas naturale.


Le prossime estensioni saranno eseguite nelle seguenti zone/vie (clicca sulla via per visualizzare la mappa):

 

Servizio clienti
058 470 70 70


Da Lunedì a Venerdì:
08:30 - 12:00 / 13:30 - 17:00

PER GUASTI, tutti i giorni
24 ore su 24

Apertura sportello a Lugano all'interno del Puntocittà, in Via della Posta:

LU/ME/VE : 07:30 - 12:00/13:30 - 17:00
MA/GIO : 07:30 - 18:00