News

Da Lugano ad Hawassa a favore dell’acqua potabile

In occasione dei 125 anni dell’Acquedotto comunale di Lugano, AIL sostiene con un fondo pari chf 12.500.- una borsa di studio a favore di un giovane ingegnere di Hawassa, in Etiopia.

27 settembre 2019

Da Lugano ad Hawassa a favore dell’acqua potabile

L’acqua è un bene prezioso. Lo è in Svizzera come in Etiopia, dove l’accesso all’acqua potabile rimane una sfida quotidiana.

AIL, nell’ambito dei festeggiamenti per i 125 anni dalla fondazione dell’Acquedotto comunale della Città di Lugano e in collaborazione con la SUPSI, ha deciso di sostenere la formazione di un professionista della città di Hawassa, attualmente nel nostro Paese per ottenere un Certificato di studi avanzati (CAS) sull’approvvigionamento idrico e la gestione delle acque reflue.

Il corso modulare, che si svolgerà in Ticino, a Zurigo e a Neuchâtel, fornirà all’Ing. Yoseph Yunkura Hamesso importanti competenze che potrà poi portare a sostegno dei numerosi progetti legati all’acqua potabile in Etiopia. Il corso è stato lanciato dal Centro competenze in Cooperazione e sviluppo della SUPSI unitamente all’Università di Neuchâtel e all’Eawag/ETH di Zurigo.

Tra un corso e l’altro, c’è stato anche il tempo per una visita al pozzo di captazione di Bioggio. Nella foto: il Prof. Claudio Valsangiacomo e Donato Patrissi (SUPSI), l’Ing. Yoseph Yunkura Hamesso e l’Ing. Michele Broggini, Vicedirettore AIL.