Geomatico/a

L’informatico della terra

Una figura fondamentale

Una professione innovativa quella del geomatico, specialista della misurazione e della geoinformazione. Anche per noi delle AIL, i geomatici raccolgono ed elaborano dati geografici, specialmente tramite ricevitori GPS e producono piani cartacei o digitali per mappe catastali, progettazione di edifici e infrastrutture e pianificazione del territorio. I geomatici lavorano anche in uffici pubblici (Confederazione, Cantone, Comuni, Consorzi), in studi privati, oltre che in aziende elettriche o di acqua potabile come la nostra.

Scuola e lavoro: un'accoppiata vincente!
Il tirocinio dura 4 anni e la parte teorica si svolge alla Scuola professionale artigianale e industriale (SPAI) di Lugano-Trevano.
Il primo anno di formazione si svolge interamente a scuola, con attività presso il datore di lavoro durante i periodi di vacanze scolastiche. A complemento della formazione in azienda e alla SPAI la persona in formazione segue i corsi interaziendali.

Specializzazione
Durante o dopo la formazione di base è possibile frequentare le lezioni per ottenere la maturità professionale. In seguito si può ottenere l’attestato professionale federale (APF) di tecnico in geomatica, frequentare la scuola specializzata superiore (SSS) per conseguire il titolo di tecnico diplomato del genio civile o di tecnico diplomato dell’edilizia. Inoltre si possono conseguire i bachelor SUP in geomatica (a Yverdon-les-Bains o Muttenz) o in pianificazione del territorio.

Per maggiori informazioni sull'apprendistato di geomatico in AIL puoi chiamare il numero 058 470 77 48 oppure scrivere a [email protected] 

Testimonianze

« le qualità più importanti per svolgere questa professione sono la precisione e il rigore nel lavoro. I dati raccolti dai nostri geomatici devono essere perfetti al 100%. La disciplina è fondamentale anche perché per una buona parte del tempo siamo nei cantieri, spesso in luoghi isolati e in altezza, dove le misure di sicurezza vanno rispettate dalla A alla Z.».
Matteo Casari, formatore

« ho scelto questa professione perché mi appassionava il fatto che non si stesse solo in ufficio o solo sul cantiere. Nell’arco della giornata si ha la possibilità di fare entrambe le cose.»
Matteo, apprendista geomatico

Per approfondire